» Cibi fantastici e dove trovarli: la Quinoa
  • Cibi fantastici e dove trovarli: la Quinoa

    Feb 02nd • Posted in Cucina & Ricette, Lifestyle

    Credits: Pinterest

    Ciao a tutti!

    Dopo avervi raccontato curiosità e usi in cucina di avocado e Semi di chia oggi voglio parlarvi della Quinoa!

    Io prima di scoprire le mie intolleranze alimentari non la conoscevo ma ho iniziato a usarla in cucina proprio perchè è priva di glutine.

    Sapevate che se decidete di acquistarla mangerete i semi di una pianta molto simile a quella degli spinaci?

    Non è un cereale infatti, anche se viene cucinata allo stesso modo, ed è chiamata quindi pseudocereale.

    La Quinoa è talmente ricca di proteine e di aminoacidi essenziali da essere annoverata tra i Superfood, il gruppo di alimenti così nutrienti e salutari che sarebbe un peccato non inserire nella propria dieta!

     

    Credits: Pinterest

     

    La Quinoa è l’unica pianta alimentare a contenere tutti e 9 gli aminoacidi essenziali.

    Pensate che la FAO la definisce il cibo coltivato con più nutrienti per 100gr.

    Come se non bastasse la NASA ha fatto sapere che ha intenzione di includerla nella future missioni spaziali per poter essere coltivata a bordo delle stazioni spaziali come fonte di sostentamento per gli astronauti!

    Ora non vi sembra più solo un cibo per gente stravagante eh? 🙂

     

     

    Credits: simplyquinoa.com

     

    La Quinoa è un alimento antichissimo: già 4000 anni fa era servito in tavola dagli Inca. Le civiltà Pre-colombiane ne avevano così rispetto da chiamarla “Madre di tutti i semi”.

    Purtroppo i conquistadores furono piuttosto miopi svilendo il suo grande valore e vietandone addirittura la coltivazione!

    È per questo che in Europa sono arrivati pomodori e patate ma la Quinoa è stata introdotta solo recentemente nella nostra dieta!

     

    Esistono molte varietà di Quinoa, vediamo le tre più famose.

     

    Credits: Amanti del biologico

    Bianca

    È la varietà più diffusa e reperibile ed ha un gusto più delicato delle altre due. Il sapore è simile a quello delle nocciole!

    Quando si cuoce si gonfia perdendo la forma tondeggiante che ha invece da cruda.

    Rossa

    Era la varietà più usata dai guerrieri Inca che la venerevano quasi!

    A differenza della prima, la Quinoa rossa mantiene maggiormente la forma rotonda durante la cottura e quindi l’aspetto e il colore deciso la rendono perfetta dal punto di vista estetico per ricette a base di riso o verdure grazie all’aspetto e al bellissimo contrasto cromatico che dà.

    Sappiate che una volte cotta il colore vira a un rosso-bruno molto più scuro rispetto a quando è cruda.

    Il sapore è più intenso rispetto alla varietà bianca, anche se alcuni lo descrivono come fruttato a me continua a ricordare di più quello delle nocciole.

     

    Nera

    La Quinoa nera mantiene il bellissimo colore anche una volta cotta. Ha un sapore dolce! Infatti viene speso associata a frutta, ricette dolci e yogurt.

    Provatela anche con miele, frutti rossi e noci, pistacchi e mandorle!

    Nulla vieta però di aggiungerla nelle insalate o mescolarla alle altre varietà.

    La Quinoa multicolor è molto bella da vedere e anche buona da mangiare.

     

    Ma veniamo al sodo: come si cucina?

     

    Credits: Pinterest

     

    Ricordate che la cuticola esterna è ricca di saponina e se non lavate la Quinoa bene bene bene il sapore sarà amaro e disgustoso! Io la metto a bagno in una ciotola così i semi si gonfiano e rompono la cuticola e poi lavo sotto l’acqua corrente per portare via tutta la saponina rimasta.

    Una volta lavata potete scegliere se tostarla in padella con un filo d’olio.

    È un passaggio opzionale, io talvolta lo faccio perchè ha un sapore che preferisco se è tostata.

    In padella dovete ricoprirla di acqua: le dosi sono 2 a 1. Il che significa che per un bicchiere di Quinoa ne servono due di acqua. Va fatta cuocere a fuoco basso fino a che l’acqua non è totalmente assorbita dai semi e questi non diventano gonfi e soffici.

    La cottura è di 20 minuti circa per la Quinoa bianca, mentre la nera e la rossa possono richiedere tempi un po’ più lunghi.

    Una volta cotta potete scegliere se aggiungerla in insalate miste o se lavorarla per creare polpette o burger vegetali, la Quinoa si presta a ogni tipo di sperimentazione in cucina, quindi largo alla fantasia e osate!

    E voi proverete a cucinarla?

    Spero tanto di esservi stata utile! ♥

     

    Natalie

  • One comment
    Cibi fantastici e dove trovarli: la Quinoa

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *