» #CoseCheTiCambianoLaVita Più Produttivi con la Tecnica Pomodoro
  • #CoseCheTiCambianoLaVita Più Produttivi con la Tecnica Pomodoro

    Dec 08th • Posted in Lifestyle

    Buongiorno e bentornati sul mio Blog! 🌷

    Con il post di oggi inauguro una nuova rubrica che ho pensato per voi: #CoseCheTiCambianoLaVita!

    Ogni Venerdì racconterò di qualcosa che mi ha migliorato la vita, reso le cose più semplici, o che mi ha permesso di proseguire con successo il mio cammino di miglioramento personale. 😊

    Oggi voglio parlarvi della Tecnica Pomodoro che, a discapito del nome bizzarro, è una tecnica incredibilmente efficace per migliorare la produttività giornaliera! 🍅

     

    via quora.com

    La Tecnica Pomodoro è un sistema di suddivisione del tempo in unità di trenta minuti e deve il suo nome al timer a forma di pomodoro che il suo ideatore Francesco Cirillo usava ai tempi dell’università.

     

    La gestione del tempo

    Un’unità di tempo equivale a 30 minuti suddivisi in 25 minuti di attività intensiva e 5 minuti di pausa.

    Il nostro cervello è programmato per restare focalizzato per un arco di tempo limitato al termine del quale la soglia di attenzione cala, ecco perchè il metodo prevede l’alternarsi di periodi di focalizzazione e brevi pause: in questo modo permettiamo al cervello di ricaricarsi e siamo portati a rendere al 100% in quei 25 minuti che sappiamo essere un periodo di sforzo intellettivo ben definito e relativamente breve.

    Inoltre il cervello umano funziona meglio quando le attività sono suddivise in sottocategorie più piccole e quindi più facilmente gestibili e semplici da portare a termine.

    Il lavoro grazie al metodo Pomodoro prosegue in modo fluido e senza lunghe interruzioni dovute a distrazioni o a cali di attenzione.

    Dopo 4 Pomodoro arriva una meritatissima pausa di 15 minuti.

     

    via Pinterest

     

    Perchè il Metodo Pomodoro funziona?

    Come dicevo sopra il cervello lavora molto meglio se deve gestire mini task in un periodo di tempo predefinito. Il lavoro che compiamo nei 25 minuti di attività è di qualità e senza interruzioni sia perchè siamo totalmente focalizzati sul lavoro sia perchè al termine del lavoro ci sono 5 minuti di  pausa-ricompensa in cui è possibile fare tutto ciò che desideriamo: stretching, controllare il cellulare o i social, guardare fuori dalla finestra, mangiare uno spuntino o prendere un caffè.

     

    Come usare questo metodo?

    Per prima cosa bisogna scegliere quali sono i compiti da portare a termine nella giornata; per comodità vi consiglio di appuntarli su un foglio. Suddividete i compiti in base all’urgenza e all’importanza in modo da aver ben chiaro qual è il compito da cui partire e quale compito è il meno urgente.

    A questo punto assegnate ad ogni attività un numero di Pomodori 🍅 tenendo presente che un Pomodoro equivale a mezz’ora!

    Dopo 25 minuti di attività fate 5 minuti di pausa. Dopo 4 volte la pausa si prolunga a 15 minuti!

    Ogni volta che hai completato un compito cancellalo dalla lista. È importantissimo concedersi la gratificazione visiva perchè vedere di aver terminato parte del lavoro ci spinge ad essere più produttivi. 😉

     

    Come renderlo ancora più pratico?

    La soluzione più semplice ed economica è impostare il timer del cellulare, ovviamente dopo aver staccato internet.

    Altrimenti esiste il Timer a forma di Pomodoro, che è davvero carino in effetti. 😉 È in vendita online!

    Io uso un’app che ho scaricato sul telefono e che mi permette di focalizzarmi completamente sul lavoro che sto svolgendo perchè una volta impostato il timer suona al termine dei 25 minuti di lavoro e dei 5 o 15 minuti di pausa! Si chiama BeFocused ed è scaricabile gratuitamente. Mi piace perchè permette di compilare la lista delle cose da fare, elenca quelle fatte, e crea un istogramma in base alla produttività giornaliera.

     

    Per oggi è tutto, spero di esservi stata utile!

     

    A presto 💙

     

  • 2 comments
    #CoseCheTiCambianoLaVita Più Produttivi con la Tecnica Pomodoro

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *