» Il Blu e la tristezza: il Blue Monday
  • Il Blu e la tristezza: il Blue Monday

    Jan 16th • Posted in Lifestyle, Pillow Talks

     

    Ciao a tutti!

    Oggi come molti di voi sapranno è il Blue Monday, ovvero il giorno più triste dell’anno che cade proprio il terzo Lunedì di Gennaio.

    Sapete perchè si chiama così? Il colore blu nella lingua inglese è associato alla tristezza, tanto che l’espressione “To have the blue devils, cioè “Avere i diavoli blu” significa letteralmente essere tristi. 

    Il blu secondo me non è un colore triste, tutt’altro! Il colore blu è legato a molte cose che amo o che mi rendono felice:

    Il blu è il mio colore preferito, in tutte le sue gradazioni. 🙂

    La musica Blues, che prende il suo nome dalla nota espressione Blue devils, perchè deriva dai canti malinconici usati per esorcizzare le sofferenze legate alla condizione degli schiavi nelle piantagioni americane.

     

    Il mare. Amo guardarlo d’inverno, quando è in tempesta e appare quasi color piombo. Amo guardarlo d’estate perchè ha tutte le sfumature del blu e scintilla sotto la luce del sole.

     

    Infine voglio parlarvi della tristezza.

    Non credo che sia vero che oggi sia il giorno più triste dell’anno, ma la ricorrenza mi permette di riflettere su un sentimento complesso come la tristezza.

    A questo sentimento si può reagire essenzialmente in due modi secondo me: crogiolandosi in esso o combattendolo attivamente.

    Nessuno dei due modi è sbagliato, anzi, credo che prima venga uno e dopo l’altro, perché la tristezza va metabolizzata e va capita e non è semplice! Bisogna prima accettarla, poi capirne l’origine e solo in un secondo momento si può avere l’energia per reagire.

    La tristezza serve a capire noi stessi, a capire cosa fa per noi e cosa non è negoziabile, non è un sentimento da temere o demonizzare.

    Se impariamo ad accettare i nostri sentimenti e le nostre emozioni come momenti passeggeri e non come stati d’animo permanenti allora capiremo che la tristezza ha un suo forte valore e dobbiamo farne tesoro.

    Io quando sono triste preferisco dedicarmi allo studio o ai miei hobby in modo da tenere occupata la mente: resto sempre consapevole del mio stato d’animo, ma cerco di non abbandonarmici e di reagire, di avere un atteggiamento costruttivo.

    A volte non è per niente facile, a volte ci sono dei momenti così bui che è difficile mantenere la mente lucida e va bene così, va bene abbandonarsi ai nostri malumori, perché è umano e reprimere i sentimenti è sbagliato.

    Dopo però bisogna rialzarsi e fare il nostro meglio per vedere la nostra vita sotto una luce positiva, cercare di eliminare le cause della nostra tristezza.

    Non bisogna difenderci dalla tristezza ma dalle cose che la causano.

    Bisogna sempre tenerlo a mente.

    E voi che rapporto avete con questo sentimento?  Credete al Blue Monday? 🙂

     

    Natalie

  • Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *