» Nasa & piante. Come ossigenare lo spazio: l’Edera
  • Nasa & piante. Come ossigenare lo spazio: l’Edera

    Jan 31st • Posted in Decor & Green

    Credits: Pinterest

     

    Ciao a tutti!

    Sapete cosa hanno in comune la NASA e le piante da appartamento?

    Ve lo racconto io! La NASA ha condotto un famoso studio, chiamato NASA Clean Air Study, che aveva l’obiettivo di individuare le piante migliori da poter usare nelle stazioni spaziali per purificare e ossigenare l’aria.

     

    Vediamo la prima delle piante NASA approved che possiamo mettere nel nostro appartamento!

     

    Hedera elix

     

    Conosciuta comunemente come Edera, a me piace tantissimo.

    Forse sono  le sue foglie dalla forma particolare, spigolosa e decisa o quel verde cupo screziato dal verde pallido ad affascinarmi.

    Penso che dia un’aria poetica e antica a tutto ciò che circonda e avvinghia, dato che ha la tendenza a invadere gli spazi e allungare i rami in cerca di appigli.

    È anche questo che amo dell’edera: non è una pianta immobile, è curiosa e anche un po’ prepotente, sempre in fermento, si aggrappa e resiste, cerca, trova e dove abita colora di verde per sempre, senza mai ingiallire o perdere le foglie lasciando uno scheletro legnoso e vuoto, come fanno molte altre piante.

     

    È vitale e forte, io la metterei ovunque in casa.

    Ho raccolto per voi un po’ di idee che possano ispirarvi: l’Edera è una pianta versatile e resistente, a patto che non abbia la luce del sole diretta. Sopravvive anche in condizioni di scarsa luminosità ma ricordatevi che ha comunque bisogno di luce per stare bene e crescere!

     

    Potete appenderla al soffitto grazie a vasi dotati di gancio con vite filettata: l’effetto è di grande impatto, l’edera scenderà rigogliosa a valorizzare gli angoli vuoti della casa.

    Credits: Pinterest

     

    Le piante e i portavasi a sospensione in tessuto possono essere usati in modo intelligente per creare contrasti di colore che diano carattere all’ambiente.

     

    Credits: Pinterest

     

    L’Edera può dare delicati tocchi di colore ad una stanza dalle tinte neutre, creando un ambiente accogliente e rilassante.

     

    Credits: Pinterest

     

     

    Oppure può decorare la testata del letto! Non è una bellissima soluzione? Io però preferirei fissare i vasi al muro per evitare di essere travolta da piante nel sonno 🙂

     

    Credits: Weheartit

     

    Un modo molto intelligente di ottimizzare gli spazi senza rinunciare al verde è quello di creare una piccola giungla domestica grazie a supporti o sistemi di scaffali a sospensione. Per creare un giardino pensile in appartamento basta scegliere piante di diverse dimensioni e di diverso tipo.

    L’Edera col suo portamento ricadente è perfetta per queste strutture.

     

    Credits: Pinterest

     

    Infine ecco l’edera usata per decorare il proprio studio o la scrivania di lavoro. Non infonde anche a voi calma e serenità? 🙂

     

    Credits: Pinterest

    L’edera deve essere annaffiata con regolarità, ma stando attenti a non soffocare le radici dando acqua in eccesso! Quando la temperatura sale la cosa migliore da fare è nebulizzare acqua sulle foglie per impedire che la pianta si disidrati.
    Secondo lo studio della NASA l’Edera riesce a detossificare l’aria da molti inquinanti come ad esempio Benzene, Formaldeide, Tricloroetilene e lo Xilene, che sono rilasciati anche da molti oggetti e prodotti che abbiamo in casa!

    L’unica manutenzione richiesta da questa pianta che inspira inquinanti ed espira ossigeno, è la pulizia delle foglie con un panno umido.

    Ma dato gli enormi benefici che regala possiamo fare un minimo sforzo no?

     

    Spero che le informazioni vi siano state utili!

     

    Metterete anche voi Edere in ogni dove? ♥

     

    Natalie

     

  • 5 comments
    Nasa & piante. Come ossigenare lo spazio: l’Edera

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *